TREKKING, MTB, TRATTURI E VIE FRANCIGENE

4

Sul Tratturo di Pescasseroli a Candela

Non ci solo sono gli itinerari su strada, ma anche le “vie verdi”.

Gli itinerari di trekking in provincia di Foggia sono davvero infiniti… Molti di essi si trovano sul catasto sentieri ufficiale della Regione Puglia, ma altri restano patrimonio segreto che soltanto i locali e alcune associazioni sono in grado di indicare.

L’APT della Provincia di Foggia in passato ha realizzato due validi strumenti per fare i primi passi e conoscere i sentieri del Gargano e dei Monti Dauni (clicca qui per scaricare). Molti di questi itinerari sono percorribili non solo a piedi, ma anche con bici da trekking e mountain bike.

Altri percorsi MTB da segnalare sono quelli sul Gargano pubblicati sul sito dell’hotel Il Ponte di Vieste (clicca qui per scaricare). In commercio esiste anche un libro di Domenica Trotta, “Guida al Parco Nazionale del Gargano”, edito da Grenzi – nella libreria dell’associazione è presente una copia in prestito pei soci. Ma sul Gargano ci sono ancora altri itinerari: meritano un giro anche la Ciclovia Offroad tra Apricena e Castel Pagano e la Grande Traversata Garganica. Per i Monti Dauni, invece, attualmente non esistono guide ai percorsi MTB, ma su internet non è difficile trovare le tracce specialmente cercando parole-chiave come Bosco Macchione, Monte Cornacchia, Sentiero Frassati, Diga di Occhito, ecc. Anche il Tavoliere ha i suoi percorsi: ad esempio, il tratturo di Torrebianca tra Foggia e Troia lungo la valle del Celone e il bosco Incoronata.

Molti di questi sentieri in passato erano “Regi Tratturi della Transumanza” o “Via Francigena”.

Sui tratturi un nostro socio ha realizzato un sito che raccoglie le principali informazioni e notizie, nonché alcune tracce GPS. Da provare anche l’app per smartphone messa a punto della Provincia di Foggia relativa alla sola sezione pugliese del tratturo Pescasseroli-Candela.

Per quanto riguarda le Vie Francigene (al plurale), si possono distinguere quelle che portano alla grotta di San Michele sul Gargano e quelle dirette verso la costa da Siponto in giù. Le principali Vie Micaeliche sono quelle da Stignano, percorribile anche in bicicletta, e quella da Siponto lungo il vallone Scannamujera (che significherebbe “forte salire”, da fare a piedi) da località Macchia solcato dai longobardi. Le altre Vie Francigene coincidono quasi del tutto con le principali vie di comunicazione romane: l’Appia Nuova o Traiana che da Monte San Vito passa per Troia, Ordona, Canosa fino a Bari e Brindisi e l’Appia Antica, più interna, che passa per il Vulture, Matera e Taranto, per ricongiungersi a Brindisi. Risorse disponibili:

  • Michele Del Giudice ha realizzato una guida alla Via Francigena in Provincia di Foggia scaricabile a questo link;
  • il sito dell’Associazione Europea delle Vie Francigene offre le tracce della tappe della Via Francigena (Via Traiana) con variante Micaelica da Lucera al Gargano;
  • FIAB ha ideato il miglior tracciato possibile per ciclo-pellegrini seguendo il filo conduttore della Via Appia Antica da Roma a Brindisi, passando anche per i Monti Dauni (vai al sito Bicitalia).

La nostra associazione mette a disposizione cartoguide ed esperienze di viaggio, potendo affermare di aver percorso negli anni, durante le nostre escursioni, la quasi totalità di queste vie. Scriveteci.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: