Archive for luglio, 2017

luglio 20, 2017

COMUNICATO STAMPA – CICLABILE STAZIONE-AEROPORTO

Cicloamici: Nuova ipotesi ciclabile Stazione-Gino Lisa? Le proposte dall’associazione: “Facciamola ma in modo che i ciclisti la usino davvero!”

Alcuni mesi fa i Cicloamici di FIAB Foggia chiedevano all’amministrazione comunale l’apertura di un confronto sul Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (PUMS), nel quale non è contemplato un biciplan, un piano della mobilità ciclistica, ritenuto parte centrale ed essenziale di una pianificazione della mobilità moderna e non incentrato solo sull’auto. Ad oggi non esiste ancora una programmazione degli interventi – lamentano dall’associazione – e manca una fotografia dei fabbisogni reali dei ciclisti. Trasporto pubblico e velostazione, condivisione dello spazio, sicurezza e vivibilità delle strade da parte di tutti gli utenti (ciclisti, pedoni, carrozzine), compresi i soggetti deboli come bambini e anziani, sono da sempre al centro della vision di chi sceglie la mobilità attiva come alternativa al mezzo privato motorizzato e come stile di vita sano e sostenibile. L’oggetto di disputa è l’ipotesi di progetto di pista ciclabile dalla stazione all’aeroporto, che l’ufficio pianificazione del Comune di Foggia ha intenzione di presentare la prossima settimana al bando regionale per i fondi europei per i percorsi ciclopedonali. Netti i rilievi di Giuseppe Dimunno, referente dell’associazione per la mobilità urbana: “Il progetto che abbiamo avuto occasione di visionare contiene criticità, che si sarebbero potute risolvere a monte coinvolgendo prima i portatori di interesse. Chiediamo che venga migliorato prima di essere presentato. Foggia merita un buon progetto, e si tratta di un’opportunità unica da qui ai prossimi anni”. I percorsi ciclabili immaginati dal Comune attraversano il piazzale della stazione, Viale XXIV Maggio e Corso Roma si sviluppano interamente sul marciapiede, i ciclisti dovranno fare slalom fra panchine, portarifiuti e pali, senza contare i conflitti potenziali che s’innescano coi pedoni. Inoltre, le biciclette non potranno impegnare la rotonda della fontana del Sele, come richiesto da tempo dall’associazione, ma dovranno circumnavigare tutta Piazza Cavour attraversando incroci e fermando a tutti i semafori, a differenza delle auto per cui è stato invece fluidificato il passaggio. Il rischio paventato dagli amici della bicicletta è che una pista ciclabile così concepita non venga utilizzata, come del resto accade per i 20 km di piste ciclabili esistenti, di cui non viene effettuata manutenzione. Le persone in bicicletta dovranno continuare a pedalare in strada a proprio rischio e pericolo, senza le tutele previste del Codice della Strada e dal buon senso. I “consigli” dell’associazione per i progettisti sono tutti sul tavolo sottoforma di documento: ora saprà l’amministrazione ascoltarli? “Siamo fiduciosi, chiosa il presidente dell’associazione Mario Tosches. E’ oggettivo che le nostre proposte sono più fattibili e convenienti. E’ importante che i primi passi vadano nella direzione giusta, auspicata da chi si muove a piedi ed in bici tutti i giorni. Il successo della chiusura al traffico e l’eliminazione dei parcheggi in Via Lanza è un segnale chiaro per tutti: commercianti e cittadini sono pronti per città a misura di persone”.

Annunci